mercoledì 29 ottobre 2014

Cibi da abbuffata, per farvi ridere un po'!

Ciao ragazze, i vostri commenti mi hanno invitata a riflettere, vorrei provare a prendermi un po' cura di me, vorrei provare a riflettere in maniera un po' simpatica su me stessa. Ovviamente ancora dal discorso alimentare non riesco a staccarmi, ma leggendo poco fa il post di Euridice, che ringrazio :), ho avuto l'idea di elencarvi (spero brevemente!) i cibi delle mie abbuffate, per farvi fare due risate :)
È stranissimo di cosa mi abbuffo io, molte di voi davvero si metteranno a ridere, e penseranno "per quella volta che ti abbuffi, che diamine, abbuffati di cioccolata e bomboloni alla crema, wafer, biscotti!" e invece, sentite un po', ho raramente voglia di questi cibi proibiti.
Sapete di cosa principalmente mi abbuffo? Mi viene da ridere solo a scriverlo, mi sento ridicola perché molte mi diranno che sono vere e proprie abbuffate da carenza di cibo, da morta di fame!
Ebbene si. Perché i cibi di cui ho sempre avuto il terrore non sono cioccolata, caramelle, torroni (certo, se ho sottomano quelli e voglio abbuffarmi, facendo 2+2 mi strafogo) perché dovete sapere che anche nei miei periodi più sottopeso non me ne sono mai privata, a colazione ho sempre mangiato una piadina con la cioccolata bianca (signore e signori, non mi piace la nutella! La detesto! Ahah), perché non mi spaventava. Sapete cosa mi sono sempre tolta e di cosa mi abbuffo?? Ahah ancora un po' di suspense e mi uccidete, lo so.
Le mie abbuffate consistono in pane, olio, sale, tonno, acciughe, formaggi salatissimi, arachidi salate, crackers con granelli di sale e soprattutto, ripeto, litri e litri di olio!
Faccio ridere, lo so, ma sono per me i cibi categoricamente vietati, io non mangio MAI sale e condisco con un filino di olio, l'ho sempre fatto, ma, ahimè, sono i cibi che prediligo nelle mie abbuffate :(
Raramente mangio biscotti o roba dolce, e se succede, subito dopo taglio mezza Panella di pane e ci schiaffo un litro di olio con un barattolo di sale e lo mangio! È assurdo, lo so ragazze, ma è praticamente sempre di questo che mi abbuffo, anche perché non è che in casa mia ci sia tutta questa gamma di merendine o biscottini. Ma anche quando esco a comprare con l'intenzione di abbuffarmi, compro un sacchetto di panini, pancetta, crescenza, provolone, una volta ho comprato una provola piccante e l'ho finita :( starete ridendo o pensando che sono matta, e non vi do torto... Ma vi giuro che quando voglio abbuffarmi mi basta una Panella, tonno in olio di oliva, acciughe, formaggio, salumi e sbam, mi ingozzo e immergo tutto in olio e sale, è il paradiso per me XD ma durante i miei giorni tranquilli questi cibi sono praticamente banditi, soprattutto il sale, che io non utilizzo assolutamente.
Bene, era un post frivolo per farvi sorridere, spero commentiate con riflessioni e pareri, sarebbe interessante!
Se riuscite a capire qualcosa in più di me, non esitate a scrivere! :) Accetto anche insulti del tipo "Sei stupida, niente cioccolata?".
PS l'unico dolce che mi attira è la torta al limone dell'Auchan, piena di crema di limone, ma subito dopo mi ci mangio una focaccia con il salame piena di olio, più olio e sale possibile XD
PPS: potete consolarvi, che io le 3000 calorie le supero alla grande solo per l'olio che divoro :):) un abbraccio ragazze!

16 commenti:

  1. Io ti capisco perfettamente, invece! Sarà che mangio i dolci solo alle feste di compleanno quando le persone si offendono se rifiuti la fetta di torta cioccolatosa o peggio ricoperta di schifosa glassa zuccherata, ma se devo abbuffarmi lo faccio come Dio comanda: focaccia con le cipolle, grissini e zola, patate e panna acida (segnatelo per la prossima abbuffata perché questo è un tocco di classe!) e quando ho proprio voglia di zuccheri digestive con il philadelphia. Perché, insomma, se mi sto abbuffando chissenefrega di mischiare dolce e salato! E poi arachidi, pistacchi, tarallini, crudo...
    L'unica differenza è che a me non piacciono le cose salate, infatti per abbuffarmi con soddisfazione mi tocca pure spendere un sacco di soldi: culatello, prosciutto di Parma, arachidi da agricoltura bio, pistacchi non salati...è un bel problema. Con l'olio ho un rapporto normale e quindi non lo considero mai un cibo da abbuffate.
    Comunque in una delle abbuffate più memorabili mi feci una specie di pila di gnocco fritto con una serie di salsine diverse! (Perché io le abbuffate le preparo, ma di questo racconterò un'altra volta, sennò scrivo sempre troppo!)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah effettivamente leggendo i commenti al tuo post ho visto il tuo amore per il salato che io condivido pienamente!

      Elimina
  2. Io non ho mai comprato cibo in vista di un'abbuffata, se mi abbuffavo lo facevo con ciò che c'era in casa. Io non amo i dolci, quindi le mie "abbuffate" erano principalmente a base di pane (che adoro). Pane e salumi, pane e pomodoro, pan bauletto con sale e pepe, pane e salsa yogurt, sugo alle olive e pane ecc
    Le mie abbuffate ora le considero un pasto normale, a livello di quantità. Le vivevo come abbuffate perché 1. A quel tempo per me arrivare a 400 calorie già significava essermi abbuffata 2. Il MODO in cui mangiavo - la smania - rendevano il tutto anormale e malsano, al di là delle quantità.
    Non mi sono mai abbuffata di torta o biscotti, per il semplice fatto che non mi piacciono (tranne alcune rare eccezioni). L'unica cosa dolce di cui mi abbuffavo era la Nutella. In realtà non ne mangiavo tanta, il punto è che anche un cucchiaino era inammissibile a quel tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono meno sola di quanto pensassi! :P:P

      Elimina
  3. Allora io come Viellina di norma mi abbuffo e abbuffavo di cose presenti in casa MA prima, ovvero ora non lo faccio più, a volte è capitato anche che facessi "la spesa" ovvero comprassi qualche schifezza al supermercato. Io fondamentalmente se mi abbuffo mangio sempre cose che non mi piacciono, che sfiga. Prendevo patatine in busta (schifo e sale) cibi precotti tipo pasta 4salti in padella (prendevo la sottomarca) o pizze surgelate. E per ricevere il giusto apporto di dolci un bel barattolo simil nutella. Cercavo di spendere io meno possibile riempendomi il massimo, è come se per il mio disturbo non ci volessi spendere soldi all'epoca. Ora per fortuna non lo faccio più. Mi facevo anche piattoni di pasta in bianco con molto olio pepe e formaggio...anche quelli sono sempre venuti male, che te lo dico a fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa la domanda... Come hai smesso di abbuffarti?... Un abbraccio!

      Elimina
    2. Ahahahahahaha io non ho mai smesso di abbuffarmi se non per dei periodi...devo essermi spiegata male. Io ho diminuito le abbuffate, ora spesso so fermarmi e non faccio più cose da pazza tipo andare al supermercato e comprare le cose citate sopra...penso siano anche meno grosse, mangio meno ma altre volte comunque mangio parecchio. Insomma la situazione è in divenire, certamente ho ancora molto da fare ma un po' di salita l'ho percorsa.
      Secondo me ti abbuffi di quelle cose perché evidentemente il tuo corpo le richiede...inoltre il sale è una cosa che capita a molte, è capitato anche me dopo la mia fase anoressica e a molte altre....il corpo vuole qualcosa di estremamente saporito e quindi ci anneghiamo nel sale...senape...peperoncino ..gusti forti. Io dopo l'anoressia mettevo tanto di quel sale che ancora mi naviga nelle chiappe ;-)

      Elimina
  4. Non mi è mai capitato di abbuffarmi, quindi non avevo idea del fatto che ci fossero dei cibi ritenuti o meno "cibi da abbuffata"... Però, in maniera del tutto ignorante perchè non ci sono passata parsonalmente, mi viene da pensare che forse (correggimi se sbaglio... e molto probabilmente sbaglio, perchè parlo a naso) i cibi che vengono utilizzati per l'abbuffata possono essere anche diversi da persona a persona, ma immagino che la sofferenza che ci sta sotto sia uguale per tutte... perchè il cibo penso che sia solo un simbolo del malessere interiore...

    RispondiElimina
  5. Sai per me l'abbuffata è proprio quella che anestetizza, sovrastando la sofferenza. La vergogna ed il rimorso sono troppo grandi per lasciare spazio alla sofferenza (ovviamente vale per me, dimentico tutte le cose che mi fanno stare male)
    La vergogna, la mortificazione, quel desiderio di distruggerti e sbattere mille volte la testa contro il muro per punirti di quello che hai fatto... No, non c'è ombra di tristezza. La sofferenza è il dolore allo stomaco che tira... Almeno, ripeto, per me.
    io non trovo mai un posto per la tristezza, e lo vorrei, perché potrei affogarla nelle lacrime e buonanotte a tutti.
    in ogni caso non sbagli. Diciamo che non ci sono proprio cibi di abbuffata: quando tu vuoi abbuffarti non necessariamente hai fame, tu DEVI RIEMPIRTI. Punto. Se avessi un cestino di mele e pesche e volessi abbuffarmi io le divorerei con tutto il nocciolo e il torsolo.
    Solo, ovviamente, ci sono quei cibi di cui "vale piu la pena " abbuffarsi...
    che ne so, quei cibi di cui ti privi, come a me il sale... Dei bomboloni che sogni la notte... Non so, comunque è difficile abbuffarsi di finocchi e cetrioli :) l'abbuffata, comunque, consiste nel modo in cui ti abbuffi. Con foga, fretta,voracità... Puoi abbuffarti con ciò che ti capita a tiro ma di solito si prediligono cibi ipercalorici o di cui ci si priva,anche se non è la regola... :) secondo me è per questo che è inutile dire "inserisci questo o quel cibo nella dieta e non ti abbufferai!" perché, se anche in alcuni casi l'abbuffata serve al corpo per rifornirsi, molto spesso non è altro che il bisogno di colmare un vuoto. È profondo... L'abbuffata è purtroppo molto di piu di un mangiare... Èuna fame immensa, una fame inspiegabile.. E anche quando sei stesa sul divano con lo stomaco che urla pietà e non riesci nemmeno ad alzarti, tu hai ancora fame. Avrai sempre fame... scusa il papiro... Avevo bisogno di sfogarmi...
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora perché io mangio sempre cose che alla fine non mi soddisfano?? Anzi ora è un po' diverso ma prima mangiavo davvero roba disgustosa come ti ho detto.

      Elimina
    2. Infatti ho erroneamente generalizzato, specificando comunque che non è la regola... Il desiderio, il bisogno incontrollabile di riempire un vuoto domina su tutto, credo a volte metta in standby anche le papille gustative.. Anche io a volte ingurgito roba che mi fa schifo. Ovviamente nel tuo caso era un'abbuffata personale, non è che tutte ci abbuffiamo di cose buonissime e che sogniamo la notte.. In effetti ho generalizzato :) di solito se ho in mente un'abbuffata e la programmo faccio in modo che ne valga la pena, ma se sto talmente male e ne ho talmente bisogno in quel momento preciso giro per casa come un'automa e ingurgito tutto, anche roba surgelata o torte schifose o addirittura la cioccolata che odio, a volte mi sono ritrovata a ingozzarmi di bustine di zucchero (io detesto lo zucchero puro, è troppo dolce) perché in casa non avevo altro, addirittura di avanzi freddi schifosi...

      Elimina
    3. Non ti devi scusare di niente, Sybil, anzi, sono io che TI RINGRAZIO per la spiegazione...!
      Piuttosto scusami tu se ho scritto delle cose sciocche, nel voler parlare di una cosa che non conosco perchè non l'ho mai vissuta sulla mia pelle...

      Elimina
  6. Io, se li ho disponibili, mi strafogo di dolci. A volte ho anche impastato, infornato e divorato "torte" al "cioccolato" (=cacao amaro). Ma se le faccio io vengono una merda, perchè non ci metto nè burro nè zucchero nè uova, latte solo scremato, ecc.. Però poi compro schifezze piene di schifo al supermercato senza neanche leggere gli ingredienti.
    Pane, olio e sale niente, banditi.
    Nutella non a cucchiai ma direttamente a barattoli..
    Sui formaggi però mi trovi complice. Perchè i dolci in casa posso anche non averli. Ma caciotte e provole non mancano mai. Oh beh mancano dopo che le finisco -.-
    Ti stringo.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Quando ancora non ero vegana anche a me capitava di abbuffarmi di cose salate . Quando non avevo eliminato tutte le cose animali dalla mia dieta anche io combinavo casini con pane&olio, salame, fiocchi di latte con olio, noccioline. Però ho una buona notizia per te : le arachidi e il formaggio con l'olio non fanno ingrassare. Quello che conta non sono le calorie, ma i carboidrati . Fidati, te lo dice una che è dimagrita e tutt'ora è magra assumendo ogni giorno o quasi cento grammi circa di burro di arachidi suddivisi nel corso della giornata, ovviamente non quello zuccherato del supermercato , ma quello biologico della rapunzel, oppure fatto in casa con il mixer. E quando non ne ho voglia noci o nocciole, ma un po' di meno perché le arachidi per me hanno un gusto migliore :-) l'olio se ne metti troppo è pesante, come tutti i grassi in genere, ma io con una quantità di carboidrati pari a quattro fette di pane e tre biscotti O invece pari a due piatti di pasta da cinquantacinque grammi l'uno al giorno, assumo quanti grassi e soprattutto proteine voglio, anche se mi do un limite calorico standard tipo 1700 kcal ( ma molte volte ho superato le duemila senza problemi ) , e fidati non succede nulla . Comunque penso tu faccia male ad eliminare del tutto il sale dalla dieta, se hai la pressione bassa magari il corpo si ribella facendotelo assumere tramite le abbuffate . Prova a concederti qualcosa di salato ogni tanto, non dico in quanto condimento, ma trenta grammi di arachidi salate anche sotto forma di crema con UNA fetta di pane con UN cucchiaio d'olio e duecento grammi di fiocch di latte tipo vita snella o jocca o altra marca dovrebbero essere un ottimo pasto salato e soprattutto non dovente essere oggetto di senso di colpa,
    Forza !
    1 abbraccio

    RispondiElimina